sabato 16 gennaio 2016

L'inquinamento luminoso e le soluzioni alla "baucana"

L'obiettivo era quello di sensibilizzare la cittadinanza sulla tematica dell’inquinamento luminoso. Ed a conti fatti, l'opera di convincimento non deve essere stata nemmeno troppo faticosa per i nostri amministratori. Ebbene si, oggi a Boville Ernica, con la preziosa collaborazione del locale circolo di Legambiente ed alla presenza dell’avvocato Mario Di Sora, direttore dell'Osservatorio di Campo Catino, si è tenuto un convegno per discutere delle possibili soluzioni al problema. Soluzioni che a dire il vero a Boville sono state messe in atto, magari in maniera un pò rudimentale, già da un pò. Indovinate come? Beh, semplicemente spegnendo le luci.
Ve lo ricordate? Si, subito dopo l'ultima campagna elettorale. Accendere un lampione si ed un lampione no. Davvero ingegnosi i nostri amministratori, non trovate? 

Chissà cosa avrebbe detto di questa bizzarra trovata l'astronomo Giuseppe Armellini che alla nostra cittadina ha donato tra le altre cose la meridiana in piazza Sant'Angelo; un dono che a quanto pare non è stato nemmeno troppo apprezzato visto le condizioni in cui è stata lasciata la stessa. 

martedì 12 gennaio 2016

Acqua, la grande farsa

Un atto di indirizzo politico che dia mandato al sindaco Piero Fabrizi a valutare, insieme ad altri comuni ciociari, la rescissione del contratto che li lega ad Acea. Dopo tante polemiche, dopo le proteste sollevate dai quattro angoli della terra che fu di Caio Mario e Cicerone alcuni amministratori sembrano essere intenzionati a partire, lancia in resta, contro l'attuale gestione del servizio idrico.

Un tema scottante che a Boville non riguarda soltanto la gestione dell'Acea ma anche gli equilibri interni a quella che un tempo era la maggioranza del sindaco Fabrizi che, ufficialmente, si è spaccata proprio sulla mancanza di fiducia tra Piero Fabrizi ed il suo ex vice sindaco Memmo Di Cosimo. Una bomba ad orologeria quindi. Scoppiata con quasi un anno e mezzo di ritardo se è vero come è vero che il voto favorevole al piano investimenti è stato espresso l'estate dello scorso anno mentre la defenestrazione di Di Cosimo è roba di poche settimane.

Ci stanno prendendo in giro? La riflessione è molto semplice. Perchè la fiducia tra il primo cittadino ed il suo vice è venuta a mancare a scoppio ritardato e quindi un anno e mezzo dopo? Ancora .. ci risulta che il sindaco Fabrizi abbia partecipato, spesso proprio insieme a Memmo Di Cosimo, alla maggior parte delle riunioni della consulta dei sindaci. Sarà capitato ai due rappresentanti del comune di Boville di discutere della vicenda, di scambiare opinioni in merito, no? Insomma, è davvero possibile che Di Cosimo abbia deciso da solo, senza ascoltare nessuno dei suoi colleghi di maggioranza? Possibile che non ci sia stata nemmeno una telefonata tra il sindaco ed il suo vice?

Poi, veniamo alla vicenda del piano di investimenti. I cittadini di Boville stanno pagando le bollette del servizio idrico adeguati dal gestore alla tariffa accordatagli proprio in occasione della presentazione del piano di investimenti. A tutt'oggi però cercare una nuova condotta idrica a Boville equivale a cercare un ago in un pagliaio. In calendario sembra esserci soltanto un intervento sulla condotta della rete fognante, nella zona di Casavitola, in coabitazione con il comune di Veroli ma stando a quanto ci hanno raccontato alcuni residenti della zona la discussione va avanti nemmeno si dovesse realizzare un circuito di Formula 1.

Una richiesta esplicita ai nostri amministratori potremmo farla anche noi di Radio Boville da queste pagine. Ci piacerebbe sapere, anche a seguito dell'intervento di Fare Verde, un associazione ambientalista riconosciuta a livello nazionale, quale è lo stato dei depuratori sul nostro territorio.

Magari il sindaco relazionerà all'assise in proposito. Magari ci spiegherà perchè ha lasciato passare, è proprio il caso di dirlo, tanta acqua sotto i ponti prima di interrompere il cammino politico con il suo antico sodale. Misteri della vita politica baucana; ne sapremo di più domani sera.

domenica 3 gennaio 2016

Alex Colapietro ricoverato d'urgenza a Roma dopo uno scontro di gioco. Ancora sconfitta per l'Atletico Boville

Attimi di paura vissuti nella mattinata di oggi nel campo sportivo "Montorli" a Boville Ernica. Nella tarda mattinata infatti si stava disputando la partita del campionato di Promozione tra la squadra locale, l'Atletico Boville ed il Borgo San Michele, compagine di Latina. 
A metà della ripresa un duro scontro di gioco tra due compagni, entrambi calciatori dell'Atletico Boville ha fatto temere il peggio per uno di loro. Il difensore blugranata Alex Colapietro, 23 anni, e' caduto a terra perdendo i sensi dopo lo scontro, fortuito, con il suo compagno di squadra. Sul posto è stata fatta arrivare un'eliambulanza. Dopo le prime cure i medici hanno predisposto il trasferimento del giocatore all'ospedale in un ospedale della Capitale. Ha riportato un trauma facciale con interessamento della mandibola ma non sarebbe in pericolo di vita. Nelle prossime ore, dopo che le sue condizioni si saranno stabilizzate sarà possibile fare una diagnosi più precisa. Lievemente ferito il portiere, medicato in campo. Per la cronaca, al momento dello scontro tra i due calciatori, l'Atletico Boville, ultimo in classifica, stava vincendo il match con il risultato di uno a zero. La gara però è terminata con l'ennesima sconfitta dei blugranata con un gol beffardo subito in piena zona Cesarini. Il nuovo anno insomma non sembra essere iniziato molto bene per la squadra di mister Caldaroni che ora dovrà fare a meno di uno degli elementi migliori; la speranza di tutti gli appassionati è che si possa invertire questa tendenza quanto prima.

venerdì 1 gennaio 2016

Piero e Matteo, tasse e social network

Sono la passione di Matteo Renzi, il premier non eletto da nessuno.
Evidentemente, la mania per i social network deve aver contagiato un pò tutti, anche in politica.
E mentre il royal baby originario di Rignano sull'Arno preferisce il cinguettio di Twitter, il nostro sindaco, Piero Fabrizi sembra preferire Facebook, il social network di Mark Zuckerberg.

Lo stile però è lo stesso. Ricordate come ha fatto Renzi a tradire Enrico Letta, allora capo del governo? Con un post su Twitter. "Matteo stai sereno" scrisse il fiorentino.
Evidentemente la cosa deve aver ispirato Piero Fabrizi che in clima di scissioni e "tradimenti" si è sentito ispirato ed ha rivolto gli auguri alla cittadinanza di Boville per mezzo del famoso social network.

"Il Sindaco augura a tutti gli amati cittadini di Boville Ernica un buon 2016. Con affetto Piero".
Fantastico, non trovate? Fantastica soprattutto la parte in cui scrive "amati cittadini di Boville Ernica". Quindi, sentitevi amati amici miei. Amati e non tartassati. No, amati perchè il vostro sindaco non si dimentica mai di voi. E per Natale, invece degli auguri, vi manda da pagare gli arretrati della vecchia Ici.
Vi vuole talmente bene che ha portato le aliquote della tassa sulle seconde case, forse su consiglio del Grande Tassatore Anthony Astolfi, al massimo consentito dalla legge. Vi vuole talmente bene, inoltre, che questi recuperi non li ha affidati agli uffici del comune di Boville dove magari qualche cittadino, qualche anziano forse, aveva l'opportunità di recarsi per avere delucidazioni in merito.
No, li ha affidati ad una società privata con sede a Frosinone. E nel frattempo però, continuiamo a pagare ai dipendenti comunali stipendi e contributi.

E' un pò la favoletta che ci sta raccontando Renzi che ci ha promesso di abolire le tasse sulla prima casa ma poi se vai a leggere il Def, il documento di programmazione economica e finanziaria scopri che la pressione fiscale nel suo complesso aumenterà ancora invece di diminuire. Praticamente, toglie con un mano e ci prende anche di più con l'altra. Insomma, ci sta prendendo in giro.

E allora, non sarebbe stato più corretto scrivere TARTASSATI cittadini invece che amati?

Buon anno amici di Radio Boville. E quando un politico vi dice che vi vuole bene, grattatevi ..

giovedì 31 dicembre 2015

Auguri di buon anno .. pieno di tasse. La lettera aperta di Marcello Dalmazia al tartassato popolo di Boville Ernica

Non è nel nostro stile ma nel nuovo corso di Radio Boville abbiamo deciso di aprire le porte dell'amato sitarello ed ospitare, tutti coloro che, svolgendo un ruolo attivo nella politica locale, ci chiedono "asilo politico". Inauguriamo questa serie di interventi con la lettera aperta di Marcello Dalmazia. Commerciante, animo anarchico, centrale difensivo con i piedi tutt'altro che delicati, comunista dai tempi di Berlinguer ed ora attivista del Movimento Cinque Stelle, Dalmazia, a titolo personale vuole rivolgere, con l'occasione degli auguri di fine anno, un saluto alla cittadinanza di Boville Ernica.

"Anzitutto ringrazio gli amici di Radio Boville per avermi concesso l'opportunità di rivolgere ai cittadini di Boville Ernica i migliori auguri per l'anno che sta per iniziare. Una maniera forse inconsueta per augurare a tutti i cittadini buon anno ma l'auspicio, mio e di tanti altri, è che queste pagine possano diventare in futuro occasione di confronto ed arricchimento culturale, politico e sociale per la nostra cittadina.
Il mio pensiero va prima di tutto alle persone sofferenti. Malati, anziani, bambini, disoccupati e sofferenti in generale; la speranza è che il nuovo anno possa regalare a noi tutti salute, pace e prosperità.

Un augurio particolare va a tutti i membri dell'amministrazione comunale di Boville Ernica, agli impiegati ed agli amministratori. Ai nostri governanti gli auguri per tutto ciò che ci hanno riservato in questi anni di amministrazione a dir poco scandalosa. Ci siamo ritrovati con le tasse tra le più alte della Ciociaria e come se non bastasse tutti abbiamo ricevuto gli auguri da parte loro con tributi e balzelli da pagare, relativi sia all'annualità in corso che a quelle precedenti. Ho appreso da amici ben informati che la riscossione dei tributi in questione è stata affidata alla Ica, un azienda privata con sede a Frosinone che a Boville, tra le altre cose, gestisce anche il servizio di pubblica affissione. Domanda. Non era forse più giusto utilizzare il personale degli uffici comunali per svolgere tali mansioni? Non era forse meglio cercare di mettere a riparo i nostri concittadini, già pesantemente condizionati dalla situazione economica nazionale, da eventuali contenziosi con queste società di riscossione che sono solite applicare sanzioni, interessi e more? Non era forse più opportuno, una volta venuto a mancare il compianto Ezio Santoloci, affidare questi incarichi, per mezzo di regolare bando di gara a qualche professionalità locale? C'era davvero bisogno di incaricare società private che non hanno nemmeno sede nel nostro territorio?
Ai nostri amministratori va l'augurio più sincero di ricevere tanto quanto loro hanno riservato al popolo bovillense.

Voglio altresì spendere due parole per esperimere la mia solidarietà all'architetto Memmo Di Cosimo per il trattamento vile ed osceno che ha ricevuto dal suo antico pigmalione, il dottor Piero Fabrizi. Certo, questo può in qualche modo sorprendere le persone meno avvezze ai rituali della politica ed in particolare ai metodi usuali del nostro amato sindaco. Nonostante le prime, timide smentite che leggiamo sulla stampa locale sono fermamente convinto che il signor Anthony Astolfi sarà un pole position per ricevere l'imprimatur da parte del nostro primo cittadino anche se il suo cognome potrebbe rappresentare un grosso ostacolo alla sua investitura.


Colgo l'occasione inoltre per ribadire, seppur da questo spazio virtuale, la mia ferma intenzione di propormi quale candidato a sindaco nella prossima tornata elettorale anche se capisco che il mio cognome è Dalmazia e non Fabrizi ...

Auguri a tutti voi .. a riveder le stelle !!"

Marcello Dalmazia


mercoledì 30 dicembre 2015

Piero Fabrizi, Agatha Christie ed il mazzo di garofani

Scriveva Agatha Christie che “un indizio è un indizio, due indizi sono una coincidenza, ma tre indizi fanno una prova”. Ed ora, a Boville, siamo arrivati a tre.
Enzo Perciballi, Benvenuto Fabrizi ed ora Memmo Di Cosimo; sono questi i consiglieri comunali defenestrati da Piero Fabrizi nel corso dei suoi due mandati a Palazzo Simoncelli. Verrebbe da pensare che il nostro primo cittadino mal sopporti persone che, all'interno della sua squadra, potrebbero fargli ombra. Non c'è altra spiegazione infatti alla rottura politica che si è verificata nell'attuale maggioranza. A ben guardare infatti Enzo Perciballi e Memmo Di Cosimo, ricoprivano entrambi il ruolo di vice sindaco e sono stati, nelle rispettive tornate elettorali, i consiglieri che hanno raccolto il numero maggiore di preferenze. Un bottino di voti in entrambi i casi particolarmente consistente.
Del resto, era davvero politicamente possibile relegare l'architetto Di Cosimo ad un ruolo da comprimario, negandogli un ruolo di primo piano come poteva essere la presidenza del consiglio comunale?
La staffetta tra lui ed Anthony Astolfi, ipotizzata due anni e mezzo fa, doveva essere questa. 
Ma così, per una serie di ragioni, non è stato. 

Certo, la storia politica di Boville degli ultimi venti anni ci insegna che le spaccature interne alle varie amministrazioni che si sono succedute sono all'ordine del giorno. Iniziarono Ruggero Mastrantoni e Michele Rotondi, poi lo stesso Rotondi con Alberto Paglia ed Americo Picarazzi fino ad arrivare a Piero Fabrizi. Con tutta probabilità, queste spaccature politiche sono tutte figlie di alleanze costruite non sulle idee o sui programmi ma soltanto con l'intento di accaparrarsi le poltrone. Tutti insieme appassionatamente salvo poi salire all'ultimo piano di Palazzo Simoncelli e rompere gli accordi stretti in precedenza.

Di fatto, al di là delle smentite dei diretti interessati, il terremoto interno alla maggioranza di Piero Fabrizi spalanca le porte, con largo anticipo, alla prossima campagna elettorale. Una campagna elettorale che non riguarda soltanto Boville ma ha un respiro molto più ampio. 
Con la nomina di Astolfi a vice sindaco e quella di Angelo Fabrizi alla presidenza del consiglio comunale a Boville si è formata una sorta di amministrazione monocolore del Partito Socialista; sindaco, vice sindaco e presidente del consiglio comunale sono tutti e tre socialisti. Nemmeno nei sogni più belli il compianto "zio" Alfredo De Paulis avrebbe potuto immaginare tanto. 
Considerate le percentuali con cui il Partito Socialista viaggia a livello locale e nazionale a Piero basta ed avanza per rivendicare una candidatura più importante, magari alle prossime regionali o in alternativa alla Camera. 
Sul territorio inoltre il ticket composto da Astolfi ed Angelo Fabrizi sembra essere ben assortito; entrambi fedelissimi del sindaco, uno residente nella zona di Scrima e l'altro a Santa Liberata, tradizionale serbatoio di voti del primo cittadino. Non è stato casuale nemmeno il riconoscimento del ruolo di capogruppo ad Angelo Reali: eletto da un comitato, ora luogotenente del sindaco a Colle Martino, Reali in questi anni ha ha mantenuto rapporti cordiali con lo stesso Memmo Di Cosimo ma con la nomina a capogruppo la sua posizione è di fatto blindata.

Un piano ingegnoso, probabilmente studiato a tavolino, magari davanti ad un buon bicchiere di brandy o magari di vino. Ovviamente rosso. Rosso come il garofano socialista.

Potrebbero aver fatto i conti senza l'oste. 

Piero Fabrizi e Memmo Di Cosimo, c'eravamo tanto amati

C'eravamo tanto amati. Potremmo parafrasare così, citando il film interpretato da Nino Manfredi e Vittorio Gassman con la sapiente regia di Ettore Scola, il terremoto politico che si è abbattuto sul comune di Boville Ernica. Nella seduta di ieri del consiglio comunale, l'ultimo dell'anno solare in corso, si è consumata la spaccatura tra il sindaco Piero Fabrizi e colui che fino a pochi giorni fa ne era stato il vice, l'architetto Memmo Di Cosimo.

Piero e Memmo. Socialista anzi socialdemocratico il primo, democristiano di ferro il secondo. Piero con il monovolume, Memmo con lo scooter. Due stili diversi che sembravano completarsi, almeno per un pò. Da tempo la sintonia tra i due, forse a causa delle gelosie interne alla maggioranza, non era più quella dei bei tempi. Le prime frizioni due anni e mezzo fa, poco prima della composizione delle liste con una parte della squadra di Piero Fabrizi che osteggiava la candidatura di Di Cosimo. Gli strateghi di "Insieme per Crescere" arrivarono ad istituire una sorta di direttorio (chiamarlo così fa figo e suona anche vagamente comunista ..) composto da tre saggi, con il compito di dirimere la questione. Il bandolo della matassa fu trovato appena poche ore prima della presentazione delle liste con Memmo Di Cosimo che, poche settimane dopo risultò il primo eletto, il candidato con i maggiori consensi.
Dopo la vittoria, i panini con la porchetta (e si, le pecore sul territorio iniziavano a scarseggiare ..) i tappi di champagne e la sfilata pacchiana per le strade del borgo, le prime frizioni per la composizione della giunta. Si arrivò ad un accordo, ad una staffetta, un pò come faceva Ferruccio Valcareggi al mondiale messicano con Rivera e Mazzola prima che Pelè e Rivelino, con un poker, mettessero fine a quell'indegno spettacolo, a quell'offesa verso il dono del talento nel gioco del calcio.
Ad ogni modo, l'accordo era grosso modo questo; Memmo vice sindaco ed Anthony Astolfi presidente del consiglio con la promessa di ruotare a metà della consiliatura.
Poco dopo, la tormentata vicenda del piano di investimenti di Acea, con relativo aumento della tariffa, votato, tra i tanti, proprio dall'architetto Di Cosimo. Polemiche a non finire insomma, seguite dal dissenso di qualche sponsor dell'amministrazione fino al ritiro di un paio di deleghe che erano state assegnate a Memmo per ridimensionarne il ruolo. Manco a dirlo, la delega in questione era quella alla polizia locale ...

E cosi, dopo due anni e mezzo, nel gioco di incastri le tessere del mosaico di Palazzo Simoncelli non si sono ricomposte come coram populo, avrebbe voluto ovvero con il ruolo di presidente dell'assise assegnato all'architetto ex della Margherita. Ecco però che la poltrona di presidente dell'assise civica è andata ad Angelo Fabrizi, assessore uscente e fedelissimo del sindaco.

Una mossa che a Memmo Di Cosimo, candidato più votato ora relegato ad un ruolo di secondo piano, non deve essere piaciuta. Qualche osservatore ha letto in questo passaggio politico una sorta di investitura verso Astolfi ed Angelo Fabrizi da parte del primo cittadino ma probabilmente è troppo presto per lasciarsi affascinare da dietrologie e strategie.
"Non c'è fiducia" ha più volte ripetuto l'architetto durante il suo intervento in consiglio comunale. E Piero che ha ribadito, subito dopo, che in politica non si fanno matrimoni e non ha risparmiato al suo antico sodale anche una frecciatina sulla vicenda Acea.

Beh, per una volta ha ragione Piero, in politica non si fanno matrimoni ma si ha il dovere di restare fedeli alla propria parola ed ai propri ideali.
Certo, quando la stella di Craxi brillava nel punto più alto del firmamento, tutti erano socialisti. Poi, dopo la caduta, molti si sono riscoperti socialdemocratici. Ma è così che va il mondo.

Un mio amico, uno storico economista si domandava: "Quando le cose cambiano, io cambio le mie idee. E tu che fai?"

giovedì 24 dicembre 2015

A Boville sono tornate a pascolare le pecore. Per ora.

Mentre i nostri amministratori si spartiscono poltrone ed incarichi, finalmente si rivedono le pecore pascolare nelle campagne baucane. 
C'è voluta l'atmosfera natalizia per festeggiare un evento che ha quasi dello straordinario. Intendiamoci, le pecore a Boville non sono in via d'estinzione per fortuna ma da qualche tempo non si vedevano più in giro per il borgo. 
Forse, ancora terrorizzate dall'ultima campagna elettorale, la popolazione ovina era piuttosto prudente nel pascolare nelle campagne bovillensi. 

Del resto, come dimenticare le scorpacciate di pecora al sugo che hanno contraddistinto i comizi del sindaco Fabrizi? Ed ecco che questi animali, poverini, se la sono data a gambe per un bel po'. Meglio girare alla larga da Boville in tempi di elezioni avranno pensato. Ora, insieme ai cinghiali che si vedono sempre più spesso dalle nostre parti, insieme alla poiana più volte avvistata dalle parti di Monte di Fico, anche le pecore sono tornate confortate dal fatto che la Pasqua è sufficientemente lontana, che nel corso delle festività natalizie di solito si ammazza il maiale e soprattutto che ed alla prossima campagna elettorale mancano ancora due anni. 

È per questa ragione che, come ci ha segnalato un nostro affezionato lettore, questi ovini hanno avuto il coraggio di sono spingersi fino a sopra al costone del parcheggio antistante porta San Nicola. Tenendosi ovviamente alla larga non dal vecchio mattatoio comunale che è a poche decine di metri di distanza ma dal palazzo comunale, ça va sans dire.


Del resto, bisogna ringraziarle perché ci hanno fatto perfino il favore di ripulire il costone del parcheggio dalle erbacce. Certo, alla pulizia dovrebbe pensarci il comune, soprattutto in considerazione del fatto che ci fregiamo del vessillo dei Borghi più belli d'Italia. Chiedere poi a questo piccolo gregge di ovini di sistemare anche la parete che separa il viale di accesso al parcheggio, a suo tempo rattoppata con la fassa (si, avete capito bene, con la fassa) sarebbe stato chiedere troppo; nonostante i numerosi interventi dell'opposizione, in particolare del consigliere Enzo Perciballi, i nostri amministratori hanno pensato bene di lasciare la parete così come è, nella speranza che le erbacce coprano le toppe. Ora le pecore, anzi le capre che notoriamente amano pascolare in luoghi più impervi potrebbero scombinare i loro piani. Ma questa è un altra storia. 

Insomma, lasciateci scherzare, è Natale e ci prendiamo questa piccola libertà. Del resto la politica di questi tempi rischia di essere perfino troppo noiosa e non vorremmo certamente che qualcuno interpretasse questo nostro post diversamente da quello che è ovvero un modo per fare ironia. Un piatto di pecora al sugo, magari accompagnata da un buon bicchiere di rosso è anche un modo per creare empatia tra persone della stessa comunità. Tornando alle cose serie però la speranza di tutta la cittadinanza di Boville è quella di parlare in futuro poco di cibo e molto di più di idee e programmi. La nostra è una comunità che nei decenni ha saputo essere protagonista ed ora, per una serie molteplici di ragioni, sembra quasi spaesata e senza troppa fiducia nel futuro. Si, un pizzico di ironia e tanto coraggio, ne abbiamo bisogno. Per il resto le pecore, preziose alleate nella pulizia delle campagne, lasciamole pascolare liberamente.
Si è verificato un errore nel gadget